Michail Jur’evič Lermontov – La vela

Michail Jur’evič Lermontov (1814-1841)
La vela (Парус) – 1832
Traduzione di Paolo Statuti


Lettura di Luigi Maria Corsanico

Claude Debussy
da: La mer, “Dialogue du vent et de la mer”
Chicago Symphony Orchestra, Sir Georg Solti

~~~~~~~~~~~~~~~

Biancheggia una vela solitaria
Nella nebbia azzurra del mare!..
Cosa cerca nel paese lontano?
Cos’ha lasciato nel paese natale?..

Giocano le onde – il vento sibila,
E l’albero si piega e geme…
Ahimè, – la fortuna non cerca
E dalla fortuna non viene!

Sotto ha la corrente azzurra,
Sopra – del sole l’effige dorata…
Ma essa, inquieta, cerca la tempesta,
Come se in questa la quiete fosse data!

5 pensieri su “Michail Jur’evič Lermontov – La vela”

  1. Carissimo Luigi, in risposta a un mio commento hai scritto chiedendoti “A quel mare aneliamo, alla foce liberatoria giungerâ il fiume depurato dalle scorie della vita.” E credo che Lermontov abbia aggiunto un tassello a una delle possibili risposte alla tua domanda: l’uomo cerca la tempesta perché sa che lì la quiete è la meta lontana che spinge a spiegare le vele. Si chiama speranza?

    Piace a 1 persona

    1. Carissimo Marcello, credo anch’io che nei versi di Lermontov ci sia una chiave di lettura del pellegrinaggio, ma alla tua ultima domanda sospesa, posso solo rispondere: non so, la stanchezza del viaggio spesso impedisce di credere ancora ad un approdo sicuro. A presto! Un lungo abbraccio! Luigi.

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...