Octavio Paz – Come chi ascolta piovere

Octavio Paz
Come chi ascolta piovere

(Traduzione di Ernesto Franco)
da “Albero interiore (1976-1987)”, in “Octavio Paz, Il fuoco di ogni giorno”, Garzanti, 1992


Lettura di Luigi Maria Corsanico


Erik Satie – Gymnopédie No. 1


Immagine: L.M.Corsanico ©

Ascoltami come chi ascolta piovere,
né attenta né distratta,
passi lievi, pioviggine,
acqua che è aria, aria che è tempo,
il giorno non finisce di andarsene,
la notte non arriva ancora,
figure della nebbia
al voltare l’angolo,
figure del tempo
nell’ansa di questa pausa,
ascoltami come chi ascolta piovere,
senza ascoltarmi, ascoltando ciò che dico
con gli occhi aperti verso dentro,
addormentata con i cinque sensi svegli,
piove, passi lievi, rumore di sillabe,
aria e acqua, parole che non pesano:
ciò che fummo e siamo,
i giorni e gli anni, questo istante,
tempo senza peso, pesantezza enorme,
ascoltami come chi ascolta piovere,
lampeggia l’asfalto umido,
il vapore si alza e cammina,
la notte si apre e mi guarda,
sei tu e il tuo sembiante di vapore,
tu e il tuo volto di notte,
tu e i tuoi capelli, lento lampo,
attraversi la strada ed entri nella mia fronte,
passi d’acqua sopra le mie palpebre,
ascoltami come chi ascolta piovere,
l’asfalto lampeggia, tu attraversi la strada,
è la nebbia errante nella notte,
è la notte addormentata nel tuo letto,
è l’ondeggiare del tuo respiro,
le tue dita d’acqua bagnano la mia fronte,
le tue dita di fiamma bruciano i miei occhi,
le tue dita d’aria aprono le palpebre del tempo,
sgorgare di apparizioni e resurrezioni,
ascoltami come chi ascolta piovere,
passano gli anni, ritornano gli istanti,
senti i tuoi passi nella stanza vicina?
non qui né là: li senti
in un altro tempo che è proprio ora,
ascolta i passi del tempo
inventore di spazi senza peso né luogo,
ascolta la pioggia scorrere per la terrazza,
la notte è ormai più notte fra gli alberi,
fra le foglie si è annidato il fulmine,
vago giardino alla deriva
– entra, la tua ombra copre questa pagina.

2 pensieri su “Octavio Paz – Come chi ascolta piovere”

  1. Rapito dal sublime, poesia immensa e recitazione calda ed emozionante. L’ascolto e la riascolto, oggi non piove ma vorrei che lo facesse per vivere questi versi. Oh, quanto può far bene la poesia, mi apre una giornata piena d’amore.
    La sua ombra entra su questa pagina e nella mia fronte.
    Perfetta anche la scelta musicale.
    Grazie Luigi, oggi mi hai insegnato quanto sia meraviglioso l’ascolto della pioggia.
    Un abbraccio

    Piace a 1 persona

    1. In queste prime ore del giorno sta piovendo, qui a Valdivia e ben si adatta la lettura di Paz; sono felice che tu abbia gustato i suoi versi, immaginando il suono della pioggia, aprendoti la giornata con amore. Ti ringrazio, caro Francesco, per i tuoi bei commenti alle mie letture.
      Ricambio l’abbraccio.
      Luigi

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...