Nâzım Hikmet – I tuoi occhi

Nâzım Hikmet
I tuoi occhi
(GÖZLERİN, 1948)
Traduzione di Joyce Lussu

Lettura di Luigi Maria Corsanico

La musica che accompagna le immagini è la Sonata op. 3 n. 6 di Niccolo’ Paganini, suonata dal violinista italiano Marco Fornaciari.

~~~~~~~~

I tuoi occhi i tuoi occhi i tuoi occhi
che tu venga all’ospedale o in prigione
nei tuoi occhi porti sempre il sole.
I tuoi occhi i tuoi occhi i tuoi occhi
questa fine di maggio, dalle parti d’Antalya,
sono cosi, le spighe, di primo mattino;

i tuoi occhi i tuoi occhi i tuoi occhi
quante volte hanno pianto davanti a me
son rimasti tutti nudi, i tuoi occhi,
nudi e immensi come gli occhi di un bimbo
ma non un giorno han perso il loro sole;

i tuoi occhi i tuoi occhi i tuoi occhi
che s’illanguidiscano un poco, i tuoi occhi
gioiosi, immensamente intelligenti, perfetti:
allora saprò far echeggiare il mondo
del mio amore.

I tuoi occhi i tuoi occhi i tuoi occhi
Così sono d’autunno i castagneti di Bursa
le foglie dopo la pioggia
e in ogni stagione e ad ogni ora, Istanbul.

I tuoi occhi i tuoi occhi i tuoi occhi
verrà giorno, mia rosa, verrà giorno
che gli uomini si guarderanno l’un l’altro
fraternamente
con i tuoi occhi, amor mio,
si guarderanno con i tuoi occhi.

16 pensieri su “Nâzım Hikmet – I tuoi occhi”

  1. Luigi, Luigi…stavolta mi son commossa davvero. Al riascolto qualche lacrima di gioia è scesa per ogni modulazione della tua voce che rintoccava “i tuoi occhi, i tuoi occhi…” la poesia è stupenda ma recitata da te diviene fionda che colpisce il cuore. La tua voce qui diviene il più dolce dei veleni :-)…Grazie per le emozioni, un abbraccio

    Piace a 3 people

  2. C’è da chiedersi di chi sono questi occhi che nella tua voce fanno vibrare il mondo intero, quando l’ascoltiamo.
    L’ascoltiamo e li vediamo questi occhi, anche nell’immagine con cui hai accompagnato la tua lettura, piangere e brillare dolci, acuti e attenti insieme alle note del violino.
    E mentre li guardiamo lentamente si forma agli occhi della nostra memoria/fantasia la figura che sempre ci ha affascinati con il suo caparbio amore mai incontrato.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...