FERNANDO PESSOA – AUTOPSICOGRAFIA

FERNANDO PESSOA
AUTOPSICOGRAFIA / Il poeta è un fingitore

1º aprile 1932
da: Una sola moltitudine, Adelphi, 1979
Traduzione di Antonio Tabucchi

Lettura di Luigi Maria Corsanico

Avant-Dernières Pensées I. – Erik Satie

Almada Negreiros, Retrato de Fernando Pessoa

~~~~~~~~~

Il poeta è un fingitore.
Finge così completamente
che arriva a fingere che è dolore
il dolore che davvero sente.

E quanti leggono ciò che scrive,
nel dolore letto sentono proprio
non i due che egli ha provato,
ma solo quello che essi non hanno.

E così sui binari in tondo
gira, illudendo la ragione,
questo trenino a molla
che si chiama cuore.

5 pensieri su “FERNANDO PESSOA – AUTOPSICOGRAFIA”

  1. Nessuna descrizione dell’attività del poetare è più fedele di quanto tracciato dai versi di Pessoa. Fingere il dolore che davvero sente è il modo più elegante per dire con quale cura il poeta scrive e riscrive, corregge e modifica, fin quando ciò che scrive non corrisponde esattamente a ciò che prova. E ciò che prova e quel che descrive sono entrambi un solo dolore, proprio quel dolore che il lettore sente scendergli nell’animo.
    Una poesia semplice eppure complessa perché complesso è l’argomento e il saperlo intendere correttamente.
    Luigi, ti ringrazio, per questa lettura che pone l’accento sugli esili passaggi di questi versi. Ti ringrazio, pensando di farlo anche a nome di Pessoa.

    Piace a 3 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...