MARIO LUZI – NATURA, LEI

Da: LUZI
LE POESIE

Garzanti i grandi libri / Poesia vol.II

Viaggio terrestre e celeste di Simone Martini
ESTUDIANT

Natura, lei

Lettura di Luigi Maria Corsanico

Johann Sebastian Bach, Concerto in G Major
BWV 592. Grave
Gerrit Veldman, organo

~~~~~~~~

Natura, lei
sempre detta, nominata
dalle origini…
                 Com'era,
come stava nella mente
degli uomini e nel senso -
                 in quel carcere, in quel vento,
molto viva, molto cauta.
Niente le dava, niente le toglieva il tempo.
Tempo era lei stessa, lo era eternamente.
Storia umana che le nascevi in grembo
e in lei ti consumavi
senza lasciare impronta…
                           Senza?
eppure - ma questo lo ignoravano,
non erano ancora né sapienti
né consci - entro di lei operava
                     l'universale esperienza.
E ora, tardi, se ne avvedevano in pianti.

5 pensieri su “MARIO LUZI – NATURA, LEI”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...