Eugenio Preta © Questo inverno infinito

Registrazione marzo 2015

Eugenio Preta
Questo inverno infinito
©

Lettura di Luigi Maria Corsanico

Paolo Fresu / Incantamento / Geometrie dell’Anima

Immagini dal web di proprietà degli autori

~~~~~~~

Questo inverno che tinge cristalli di pioggia
nelle finestre socchiuse dal vento,
e questo cielo grigio e inarrivabile
negli affanni di nube smarrita
Questo inverno che sospinge
una foglia abbandonata sul sentiero,
nelle ombre lontane del parco
scintillante di voglie insoddisfatte
Questo inverno che ci avvinghia
in una lunga stretta di malinconia,
che confonde il riflesso di un ricordo
nei lampi di un semaforo sulla strada
Questo inverno che intorpidisce le membra e abbandona sul limite sconosciuto del tempo
il rumore dei sorrisi rotolati dal pontile
Questo inverno maturo nelle folate di vento,
negli scrosci di pioggia e nelle spirali pungenti
di brina
che mordono pugni chiusi
nella lana di caldo mantello
Questa paura che accarezza la mente
e che assale la sera e confonde il dolore,
schiava del tempo
nel rumore dell’acqua che più’ non ci appartiene
Questo nostro esistere oltre ogni desiderio,
ancorato come zavorra al battello infinito dei sogni,
nella vela di ignobile ciurma che solca l’argine frastagliato
dello stretto infinito
Questo inverno che soffoca la sera ,
triste come il pianto, illimite come la fantasia ,
grigio come sottile ombra di luce,
confuso nei sapori del parco,
non sembra avere mai fine,
eppure avanza, con lentezza indicibile,
il migliore tempo della nostra vita
e lungamente ci dice addio.